Home / Feeder & Ledgering / Band’um semi buoyant – L’effetto bancherella!!!

Band’um semi buoyant – L’effetto bancherella!!!

Se siete costretti da mogli o fidanzate a girovagare per mercati, outlet e negozi con i saldi sapete di cosa parlo.

Il perché lo si faccia non l’ho ancora capito, non penso sia senso di colpa per le giornate intere in cui lasciamo la dolce metà in perfetta solitudine in quanto occupati con canne e mulinelli, forse è per un latente senso di rimorso che ci porta a compensare con qualche gesto di effimera gentilezza tutte le “brutalità” che le consorti e fidanzate devono subire a causa della nostra insana passione, d’altronde, nelle priorità del marito, essere relegati in fondo alla lista dopo carpe e cavedani non deve essere facile da digerire. Nel mio caso lo faccio perché costretto, per accumulare “crediti” in vista di future pescate o perché fiumi e laghi nel raggio di 300 Km sono impescabili. Però non tutto il male viene per nuocere, in questi luoghi ameni la fauna femminile sfoggia la propria vera natura, e di fronte alle parole saldi, sconti o ribassi gli istinti più reconditi vengono alla luce, mostrando il vero lato animalesco delle donne in questione. 7.Semi buoyant band'um 2Con un minimo di spirito di osservazione si possono anche trarre utili informazioni per la pesca, a ben vedere un “branco” di femmine all’assalto di un negozio dove si pratica il 3×2 è molto simile ad un branco di piranha cha ha avvistato una preda sanguinolenta…nessuna pietà. Nei mercati, specialmente, succede un fenomeno alquanto strano, ci sono bancarelle assolutamente deserte ed altre dove la ressa può competere tranquillamente con una mischia del 6 Nazioni di rugby. Più c’è calca e più la calca aumenta, quasi che l’essere femminile non potesse resistere alla vista di esemplari della stessa specie alla caccia dell’affare della vita o quasi. Ora se dopo un simile preambolo parlassi di Band’um in molti potrebbero prendermi per scemo però, fidatevi, c’è un nesso. Le Band’um di Sonubaits sono disponibili in due versioni differenti: classiche e semi galleggianti, in un totale di 8 gusti, 6 colori e per fortuna in un’unica misura. Scegliere la giusta combinazione fra esca e pastura potrebbe mandare in confusione anche il pescatore più esperto. Senza addentrarci nei colori e nei gusti sottolineerei la differente galleggiabilità delle due versioni, con la “Band’um semi-buoyant” che, se gettata in acqua, galleggia ma se attaccata all’amo bilancia lo stesso in modo perfetto sollevando l’innesco quel tanto che basta per renderlo immediatamente disponibile al pesce. Mi sono trovato, recentemente, a pescare con un piccolo flat method da 30 gr. innescando appunto Band’um. Con le affondanti non vedevo una toccata, e cambiare colore e gusto non è servito a nulla. Innescando le bilanciate il tip ballava la samba, colpa di branchi di scardole fameliche che aggredivano l’esca, rivelandosi in posizione perfetta per il loro modo di alimentarsi, senza riuscire ad ingoiarla. Mi sono ritrovato quindi con il boccone mordicchiato se non strappato dalla bait band per pellet o Band’um, appunto. Esperienza negativa? Manco per sogno. Ogni tanto la canna partiva decisa per la mangiata franca di una carpa o di un grosso channel, gli stessi pesci che con il Band’um affondante non degnavano l’innesco di uno sguardo. Cosa succedeva? Io lo chiamo appunto “effetto bancarella” ovvero il grosso pesce richiamato in zona dal brulicare famelico di altri piccoli pesci, un po’ come fanno i “branchi” di mogli al mercato appunto…tenete conto se vi capita una situazione analoga. Attenzione quindi, l’esperienza aguzza l’ingengo!

Sergio Farina

Riguardo a Editore

Editore

Guarda Anche

Istruzioni per l’uso: la pesatura.

Ci sono pulsioni alle quali non ci si può assolutamente sottrarre. Rimanendo nell’ambito strettamente piscatorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *