Home / Feeder & Ledgering / I Rod Rest, il riposo prima della partenza!

I Rod Rest, il riposo prima della partenza!

Se, pescando in compagnia, mi rivolgessi agli eventuali compagni di sponda chiedendo loro un “riposa canne” probabilmente mi guarderebbero male.

L’inglese è lingua strana, almeno per me che ho imparato le prime parole a scuola con i classici “the cat is on the table” e “the window is open” cosa che ha portato generazioni di poveri scolari a credere che in tutte le case le finestre fossero sempre aperte, anche in gennaio, con un gatto perennemente sulla tavola; poi ovviamente mi sono affinato, prima su Youporn (alzi una mano chi non sa cosa vuol dire l’acronimo MILF) e poi sui siti di pesca inglesi cercando di non ordinare un bigodino o un ferro da stiro al posto degli allora introvabili pasturatori. Rest vuol dire diverse cose, come spesso accade con i termini inglesi, fra le quali riposare, appoggiare, basare, restare; senza contare il significato ancora diverso a seconda della frase in cui è inserito. Nel nostro caso parliamo di un accessorio, il rod rest o poggia canna, spesso sottovalutato ma che diventa indispensabile per ottimizzare l’azione di pesca di ogni ledgerman attento ai particolari. Nella foto sono riportati, a titolo esemplificativo, quattro dei modelli a catalogo Korum, che servono tutti per la stessa cosa, avvitati a un picchetto o a un feeder arm poco importa, ma che si differenziano per l’uso in situazioni di pesca diverse, dove per azione di pesca si intende l’insieme di approccio, condizioni delle acque e meteo. Da sinistra a destra abbiamo: l’ Y REST, il LINE FLOW REST, l’ANGLE TILT SIDESTRIKE REST e il TILT REST.

DSC_2412-1024x680

Y REST: trova il suo campo di applicazione nella pesca specialist, quando abbiamo la necessità di insidiare grossi pesci in acque profonde e veloci e quando dobbiamo posizionare la canna in un angolo molto aperto con la cima avon verso l’alto per tenere più nylon possibile fuori dalla spinta della corrente. La “gola” è larga e profonda nel classico profilo a Y dal quale prende il nome, il canale per lo scorrimento e ritenzione della linea madre è ben scavato e preserva la canna dall’azione del vento e dai sobbalzi e/o starate che possono seguire una mangiata violenta, impedendo alla canna di cadere dal supporto. Le due braccia accettano in posizione fusti anche ben dimensionati o quando il rest viene piazzato vicino al porta mulinello, la gomma di rivestimento protegge in modo egregio la canna.

LINE FLOR REST: ha un vano meno profondo del cugino a Y ed è studiato per essere utilizzato quando l’angolazione della canna verso l’acqua non è eccessiva. Sopporta bene correnti da medie a moderate e la forma della scanalatura di scorrimento della lenza madre lo rende perfetto quando peschiamo utilizzando mulinelli con sistemi di frizione libera con la tecnica del method. Le estremità non sono alte come nell’Y REST ma tengono bene la canna in posizione anche in caso di vento.

ANGLE TILT SIDESTRIKE REST: rispetto al modello precedente si fa preferire per la smussatura di una delle due estremità che diventa utile quando vogliamo proteggere la canna, in angolazione alta rispetto al piano dell’acqua, in caso di corrente anche forte in fiume e canali, da scivolamenti accidentali che farebbero cadere la stessa dal supporto. L’estremità smussata, inoltre, favorisce la ferrata nel caso dovessimo affrontare pesci sospettosi dalla mangiata fulminea in acque difficili, quali ad esempio cavedani e carassi in acqua ferma. La parte smussata consente la ferrata laterale senza dover alzare la canna permettendoci di guadagnare frazioni di secondo fondamentali per il successo contro certi pesci. L’Angle Tilt Sidestrike Rest è fornito di un bottone sul blocco vite che consente di regolare l’angolazione dello stesso per ottimizzare la posizione del fusto e della ferrata.

TILT REST: racchiude un po’ tutte le qualità degli altri modelli costituendo a tutti gli effetti l’all round dei rod rest. Il meccanismo che permette di regolare l’angolo dell’alloggiamento lo rende perfetto per l’uso con i feeder arm sia su braccio che su piedini regolabili (xt tripod feeder arm). Proprio la forma ampia ad angolo aperto delle due estremità unita ad una scanalatura profonda e la lunghezza dei punti di appoggio laterali lo collocano fra gli accessori “indispensabili” per una corretta azione di pesca.

Sergio Farina

Riguardo a Editore

Editore

Guarda Anche

Istruzioni per l’uso: la pesatura.

Ci sono pulsioni alle quali non ci si può assolutamente sottrarre. Rimanendo nell’ambito strettamente piscatorio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *